Articoli TecniciBioDinamica

EVOLUZIONE DELL’AGRICOLTURA BIODINAMICA

Come la Terra e L’Universo sono in perenne evoluzione e trasformazione così anche l’agricoltura biodinamica (come dovrebbe far comprendere  il suo stesso nome) deve essere  in perenne trasformazione in base alle sempre nuove esigenze agricole ed umane.

Proprio per questo occorre provare, sperimentare e creare sempre nuove soluzioni ai problemi  di oggi e non pensare di avere le soluzioni a tutti  i problemi odierni  solo con  ricette dei preparati del 1924!

Oggi abbiamo problematiche che allora non esistevano: migliaia di tonnellate di veleni chimici usati ogni anno, compattazioni del terreno, perdita di humus,  radiazioni elettromagnetiche ed  aumento spropositato di radioattività oltre alle scie chimiche che non fanno più arrivare la giusta luce e calore dal cosmo, problematiche legate al calore, carenza od eccessi di acqua,  perdita di patrimonio genetico,  trombe di aria, il problema legale delle sementi  e della biodiversità etc. e  vanno trovate soluzioni adeguate, semplici, pratiche, economiche ed applicabili da tutti.

Per questo motivo devono essere creati, sperimentati, perfezionati ed usati nuovi preparati biodinamici: occorre avere le soluzioni adeguate grazie all’uso dell’osservazione, dei pensieri che vengono dal cuore e dalla nostra creatività: per me l’elemento imprescindibile dell’agricoltura biodinamica è la dinamizzazione artistica.

Ehrenfried Pfeiffer, Hugo Erbe, Maria Thun,  Hellmut Finsterlin, Alex Podolisnky ed altri hanno creato nuovi preparati biodinamici anche se sono stati spesso molto osteggiati dagli stessi  enti biodinamici!

 

Io sto lavorando da anni ed ho creato e sperimentato nuovi preparati a base di silice legati ai processi zodiacali, nuovi cornoletami specifici per diverse problematiche, ho portato in Italia il sistema di compostaggio di E. Pfeiffer ed  ho fatto modifiche ad alcuni preparati classici, ho creato un mio metodo di allestimento e di uso  dei  dissuasori biodinamici (ceneri), ho creato nuovi dinamizzatori manuali, a pedali e meccanici e nuovi  attrezzi utili per  la biodinamica e per la trasformazione, un sistema di formazione scientifico – artistico – spirituale adeguato, una certificazione  biodinamica semplice, efficiente e poco costosa.  Sto lavorando alla rigenerazione delle sementi, sull’uso dell’euritmia in agricoltura,  ho creato  sciroppi per uso umano utilizzando le erbe dei preparati biodinamici e sto studiando e sperimentando anche molto l’uso del Calendario Biodinamico che resta il grande sconosciuto  padre e maestro silente  del mondo agricolo.

 

Sono tre gli elementi che cercherò di approfondire, sperimentare ed insegnare in questi  anni: lo sviluppo della forza dell’immaginazione  come forza eterica, la conoscenza scientifico spirituale degli esseri elementari e l’uso della musica come  terapia  agricola olistica, il tutto relazionato dal ritualismo o sacramentalismo, ovvero da una cosciente azione umana ritmicizzata con suoni, pensieri e parole.

Creare immagini chiare, forti e ben definite è un modo di comunicare non solo tra esseri umani ma tra ogni tipo di essere. Quindi per esempio, quando dinamizziamo occorre innanzitutto essere presenti fisicamente ma anche con i nostri pensieri  e le nostre immaginazioni nell’atto e non “delegare” solo la macchina che non pensa e non immagina: le comodità si pagano sempre …  per la dinamizzazione occorre avere un pensiero, una immagine chiara e definita di quello che si vuole ottenere  (questo di solito avviene anche con ogni  fatto della vita) ed usare  all’inizio ed alla fine della dinamizzazione l’Invocazione  per i preparati biodinamici  è straordinariamente utile.

La conoscenza e la percezione degli esseri elementari è stato l’humus dal quale R. Steiner ha creato l’agricoltura biodinamica  e deve oggi, per forza, diventare il nostro humus scientifico spirituale per   accedere alle forze eteriche ed alle loro energie.

Ma dato che le immagini si creano con le vibrazioni, per aiutare la creazione di immagini che ri-suonino nella sostanza dandole forma, occorre ri-scoprire il potere per-formante della musica, del suono, delle vibrazioni da esso guidate e create, per guarire  non solo il mondo vegetale od animale, ma ogni regno. Dato che sono stato per lavoro, e lo sono sempre, un musicista, sono pervenuto anch’io  alla semplice deduzione che tutto è musica, tutto è vibrazione e dove c’è malattia è solo perché manca musica, manca armonia, mancano le giuste vibrazioni: quindi occorre solo riportarla, e per riportarla non servono macchine ma  servono esseri umani pensanti e vibranti ….

 

Oggi anche la NASA ha scoperto che ogni pianeta ha un suo suono dato dal movimento, dalla sua massa e da molti altri fattori,   tutti sanno che ogni suono crea vibrazioni e quindi  crea forme, ed Ernst Chladni (1756-1827) con i suoi studi ha ri-scoperto che ogni sostanza è attratta  ed ordinata dalle vibrazioni sonore e grazie a queste crea splendide ed armoniche  forme: ma non occorre dimenticare che la VERA  musica può essere creata solo da un essere vivente!

Ognuno di noi oggi non  vive più in un modo di suoni, ma in un mondo di rumori che ci ammala e che ci allontana dalla vita: anche la musica registrata, di fatto non è un suono ma un rumore: apparentemente bello, ma indiscutibilmente falso perché non emesso da un essere vivente, ma da ben altri esseri ….

Ecco: io sto ricominciando dalla musica umana emessa dalla nostra dimenticata ugola, o da uno strumento musicale a fiato od  a corda a per arrivare a riconoscere e ricongiungerci con la musica delle sfere,  che ancora Platone conosceva: questa è la strada maestra  da raggiungere dell’agri-cultura che ci da agri-coltura: dove arriva il suono arriva la vita, dove arriva il suono, la forma si incontra in maniera arti-stica con la sostanza: il suono da forma alla sostanza!

Ma chi può oggi usare coscientemente gli arti? Solo l’uomo cosciente e consapevole di poter divenire presto uno spirito creatore di nuove forme e di nuove sostanze.

 

Dato che ho iniziato questo manuale citando Rudolf Steiner è doveroso terminare questo testo con le parole (il suono alchemico) che  diede ai giovani medici per trovare, per accendere e per accedere  al loro  personale suono, dato che l’agricoltore  per me è il medico più importante, perché ha il compito unico di curare il “ grande malato” Terra, e se sta male o muore il pianeta ogni cura specifica per l’essere umano è assolutamente  inutile.

Basta però ricordarci, come ci suggerisce R. Steiner, che abbiamo un mare di medici esperti, gli esseri elementari, che aspettano solo gratuitamente di poter lavorare con noi e per noi. Loro vogliono allearsi  con noi e conoscono tutto di tutto e vogliono tanto comunicare  tramite suoni ed immagini …

 

Spiriti risanatori

voi che congiungete

alla benedizione dello zolfo

del profumo dell’etere;

 

Voi vi vivificate

nello slancio del mercurio

verso la goccia di rugiada

di ciò che cresce,

di ciò che è in divenire.

 

Voi vi fermate nel sale della Terra

che nel suolo

nutre la radice.

WhatsApp Scrivici su WhatsApp