Articoli TecniciSecondarie

BOLLETTINO DI GESTIONE DELLA VITE IN BIODINAMICA – MARZO

Fase fenologica

BBCH 01 (pianto della vite – rigonfiamento della gemma)

 

Situazione:

Fase fenologica in anticipo, con la fase di ‘’pianto’’ giá iniziata nei vigneti piú esposti.

 

In diversi areali la stagione precedente si era conclusa con attacchi di oidio tardivi che, grazie ad un andamento climatico favorevole al prolungamento della fase vegetativa fino ad autunno inoltrato, hanno comportato la presenza di oidio svernante (cleistoteci) sui tralci.

 

É importante ultimare a breve le operazioni invernali (potatura e legatura) per non arrecare danni alle gemme. In caso di grossi tagli oltre alla pasta per tronchi si possono ultilizzare mastici naturali per ferite (a base di cera d’api).

Eseguire i nuovi impianti o rimesse possibilmente in luna discendente effettuando l’inzaffardatura delle radici delle barbatelle: pastone di sabbia silicea, argilla (bentonite) e sterco bovino (letame senza paglia) mescolato a cornoletame dinamizzato (eventualmente con consorzi di micorrize idonei alla radicazione).

 

Difesa:

Nei vigneti che hanno subito forti attacchi di oidio e dove sono presenti le ‘’tacche’’ di oidio svernante si consiglia di effettuare la spruzzatura del preparato cornozolfo dopo il germogliamento (https://www.agribioshop.it/preparati/1772-510-corno-zolfo.html ) ed almeno un trattamento precoce (gemma cotonosa) con polisofuro di calcio (attenzione al dosaggio in caso di temperature elevate > 30 gradi) o Ampelomyces quisqualis.

 

Giulio Moiraghi – Spec. in vitivinicoltura biodinamica – imagine@biodin.com

it_ITItaliano
WhatsApp Scrivici su WhatsApp