Articoli TecniciSecondarie

BOLLETTINO DI GESTIONE DELLA VITE IN BIODINAMICA – MAGGIO

Fase fenologica

BBCH 11 – 53 (sviluppo delle foglie – grappoli visibili)

Situazione

Si evidenzia ancora con un germogliamento molto disuniforme con notevoli differenze di sviluppo tra i diversi areali o all’interno dello stesso vigneto (da non confondere con i danni da nottua sulle gemme). Con l’aumento delle temperature degli ultimi giorni le differenze si stanno attenuando.

Le precipitazioni di aprile (per quanto riguarda il Piemonte abbondanti solo in alcune zone della parte settentrionale) non hanno rappresentato sostanzialmente rischi fitosanitari. Quelle previste nei prossimi giorni potrebbero essere potenzialmente infettanti dal punto di vista peronosporico, ma di scarsa virulenza essendo a cavallo dell’apogeo.

Saranno comuque un’ottima occasione per procedere con l’interramento del sovescio e la spruzzatura dei preparati (500 e Fladen) sul terreno lavorato approfittando dell’inizio della luna discendente il 5 di maggio.

In caso di siccitá perdurante si consiglia la spruzzatura del preparato Fladen per 3 sere consecutive.

Difesa

Prevedendo una pressione limitata di peronospora e oidio una difesa soddisfacente é rappresentata dallo zolfo in polvere ramato possibilmente di cava (10kg/ha) in caso ci siano temperature sufficientemente calde per la sublimazione dello zolfo.

 

Giulio Moiraghi – Spec. in vitivinicoltura biodinamica  imagine@biodin.com

 

 

it_ITItaliano
WhatsApp Scrivici su WhatsApp