Articoli Tecnici

USO DELLA ZEOLIOTE PER LA CIMICE ASIATICA

(del nocciolo e non solo)

La zeolite clinoptilotite è un minerale di origine vulcanica con una struttura cristallina regolare e microporosa caratterizzata da una enorme quantità di volumi vuoti interni ai cristalli. L’impalcatura creata dagli atomi di silicio e alluminio lascia all’interno dei cristalli varie cavità che possono essere riempite da acqua o da eventuali metalli presenti.

Questa particolare struttura atomica rende la Zeolite in grado di assorbire tossine, metalli pesanti, pesticidi e micotossine, inoltre, grazie alle sue doti antiossidanti, aiuta a preservare l’organismo dai danni dei radicali liberi.

  • Contiene fosforo, potassio, ferro, magnesio, calcio, manganese, molibdeno, indispensabili alla crescita delle piante. 
  • Aumenta la ritenzione e la capacità idrica del suolo, rendendo necessarie meno irrigazioni;
  • Riduce la durezza delle acque di irrigazione e la presenza di sali di sodio;
  • Migliora la disponibilità nutritiva, evitando squilibri, durante le fasi di crescita
  • Aumenta le difese immunitarie delle piante
  • Aumenta la disponibilità del fosfato nel suolo;
  • Migliora l’equilibrio dello sviluppo radicale;
  • Elimina, dove presenti, elementi inquinanti e residui di fitofarmaci, intrappolandoli nella sua struttura atomica e transustanziandoli;
  • Ricca di micropori ideali per la vita dei microrganismi del terreno;
  • Ha effetti duraturi nel tempo.
  • Come trattamento fogliare nella sua forma ultrafine ha la capacità di creare un film protettivo efficace sia contro funghi che come  insetti come la cimice asiatica

Grazie alla sua microstruttura estremamente porosa, la zeolite migliora in molti modi la struttura e la qualità del suolo

Modalità d’impiego per trattamenti fogliari

Per i trattamenti fogliari si consiglia l’uso dello Zeoplant ultrafine nella dose di 2-3 kg per ettaro dinamizzata in acqua per 1 ora prima dell’uso

La trovate presso Agri.Bio  a prezzi molto molto interessanti o sul sito www.agribioshop.it, alle pagine:

WhatsApp Scrivici su WhatsApp