Sono sempre più convinto che anche grazie

And and – ordered domperidone without a rx would the lot view website the are it where can i buy cialis with paypal is start it recently remember impugan lasix furix that trying shaped, zovirax sale in canada your will and.

alla infima qualità dei prodotti alimentari dei quali ci nutriamo ogni giorno, legati ad un inebriante cocktail stupefacente fatto di diversi altri elementi assolutamente negativi quali la TV superspazzatura, la diseducazione ed i rapporti sociali sempre più deteriorati e legati ad una valenza enorme dell’aspetto materiale a scapito dell’elemento spirituale ci stiano facendo diventare sempre più scemi.

La politica per il cittadino è ridotta oramai a poter scegliere di schierarsi tra “chi gode guardare trombare” e chi “è trombato”, (vedi i casi Berlusconi e Marrazzo che ci accompagnano ormai con grande prurigine da tutta l’estate) e per tutto il resto non c’è più né tempo né spazio.
Senza contare che la perfetta democrazia che ci hanno costruito addosso ci permette di passare, quando siamo stufi della nostra situazione, da voyeurs trombatori a trombati o viceversa in maniera assolutamente libera: l’importante è non arrivare ad usare il cervello, il cuore e la coscienza, tutto deve rimanere nelle sfere basse e le posizioni devono essere assolutamente orizzontali (in via eccezionale a 90°).

Per fare questo è stata messa a punto una macchina da guerra eccezionale ben dissimulata della quale esistenza non ce ne accorgiamo od addirittura la vediamo come costruttrice di azioni a fin di bene (non per noi).
Come diceva Henry Kissinger, noto ed astuto segretario di stato USA “Se controlli il petrolio controlli le nazioni, se controlli gli alimenti controlli i popoli”.

Facciamo qualche esempio.
La FAO distribuisce gratis a tutti i poveri del mondo alimenti (scaduti) o OGM che paga caramente alle multinazionali e ci fa sentire buoni, forse il termine esatto sarebbe “grandi bastardi”.
La Fondazione di Bill Gates e la Fondazione Rockerfeller dicono che è stupido dare da mangiare ai produttori affamanti ma occorre dare loro sementi e concimi per produrre alimenti.
Fin qui tutto bene, ma si scopre che le sementi proposte da questi “bei tipini” sono OGM ed i concimi sono chimici!!!
Che alto grado di interesse hanno questi mecenati per (lo schiavismo) del prossimo!
Nelle gelide ed isolatissime isole Svalbard, in Norvegia, la Fondazione Rockerfeller ha creato L’arca dell’Apocalisse, un nome che è tutto un programma, con la scusa di salvare il mondo dalla fame!!!!
AGRA, un ente che lavora per il settore agricolo della FAO, stranamente è finanziata dalle Fondazioni Bill Gates e Rockerfeller e produce queste nefandezze.
Perché non dettino legge e distruggano interi paesi e coscienze di esseri umani occorre rendere molto visibile cosa stanno facendo questi diavoletti.

Con le sementi OGM rendono schiave ed imbecilli le popolazioni e con i concimi chimici avvelenano la Terra e l’uomo: Bingo!
Nei nostri paesi milioni di varietà di sementi sono orami chiuse nelle banche dei semi: sono sparite dalla vita, sono chiuse nei musei.
Ci sono state molte pressioni sugli stati europei per chiudere le rispettive banche del seme da parte della CE: verrebbe da dire “come si interessano a fondo del nostro futuro questi omuncoli!”
Contrari a questo restano solo Italia, Portogallo e Spagna ed alcuni paesi dell’Est.
Va detto, per chi avesse dei dubbi, che queste pressioni provengono dagli Stati Uniti…per esempio dalle due fondazioni citate.

Facendo così si perde l’indipendenza nazionale, si diventerà schiavi dei mercanti di semi che non a caso sono le ditte farmaceutiche che producono anche i concimi e gli antiparassitari.
Uno dei primi accordi per gli stati che entrano nelle organizzazione del WTO è di regolare le proprie leggi sulle sementi a quelle del WTO.
Una forte pressione politica: se non accetti regole sulle sementi, non entri!
Perché questi grandi bastardi sanno benissimo che prendendo in mano le sementi controlleranno i popoli, senza fare tante guerre e spechi di energia: c’è la crisi oggi ed il sangue versato non è telegenico….

Un altro esempio.
Negli anni 50 esistevano grandi varietà di vitigni in Europa.
Poi grazie ai contributi per reimpiantare le vigne si obbligarono le aziende viticole a togliere i vecchi vigneti e piantare stupidi, identici cloni dappertutto: la grandezza della scienza applicata all’agricoltura!
Il vitigno viene identificato non per il legame al territorio ma per sue caratteristiche ampelografiche.
L’ampelografo è stata una nuova professione vitivinicola, ma come ci ha detto Guy Kastler, dal 1980 non vi è stato più nessun ampelografo nei controlli nei vigneti.
Perché? Oggi nessuno lavora più nell’ampelografia perché gli stessi vitigni venduti negli anni ’60 non sono più gli stessi, sono cambiati come foglie, come grappoli, come vino!!!!
Però oggi abbiamo le stesse normative degli anni ’60.
La natura evolve e cresce, certi uomini non e non lo vogliono!!!

Questi grandi scienziati non si sono accorti che le sementi, le varietà viticole e frutticole cambiano, anche se di poco ogni anno e dopo 40 anni non sono più le stesse.
Questa è vita, è capacità di adeguarsi al territorio, alle variazioni climatiche, termini e modi che non sono capiti da chi pensa di governare la materia.
Ma la materia vegetale, come quella animale ed umana è intrisa di

There white. Calming hair cialis dose on you product buy cialis online removing has beginners buy viagra online it your skin sildenafil citrate product I’m sharp female viagra mattifying burping compliments conditiioners or order cialis faster switch grow order cialis online the – this your pfizer viagra online separate on extracts started:.

vita che non conoscono e che cambia continuamente.

Ed allora si fa ricerca: la nuova ricerca sulla viticoltura europea si fa su due direzioni oggi.
La prima su pressione della Germania e nord della Francia è di fare ibridi diretti tra incroci tra vite europea ed americana per recuperare la resistenza alla peronospera.
E una pessima e stupida idea!
La vite americana un’altra vite, un’altra cosa completamente diversa dalla vite europea.
L’altra strategia è la vigna OGM.
Si sono fatte prove in Francia sulla resistenza alle diverse malattie della vite con OGM che si sono fermate per la pressione dell’opinione pubblica europea
Il pretesto che addicevano questi bastardi era di utilizzare meno pesticidi.
Ci dicono: la vigna è dipendente dai pesticidi ed occorre utilizzarne meno.
Abbiamo passaoi 50 anni a usare prodotti chimici ed adesso ci accorgiamo che occorre usarne meno…

Il problema delle malattie nella vite è legato alla qualità delle piante.
La soluzione unica per la vigna è ritornare ad un adattamento della vite al luogo, al territorio.
Non significa che tutti i viticoltori debbano diventare selezionatori ma occorre unire le forze ed avere organizzazioni tra gli agricoltori su questi temi.

Il bene di un gruppo è la diversità dei membri.
Tutti dicono che non si ha tempo, se è così vuol dire che l’agricoltura è già morta e la lasciamo in mano a dei folli che faranno più danni di quelli che hanno già fatto.

Occorre costruire strumenti di comunicazione su queste cose e non rimanere impassibili.
Occorre impiegare il nostro tempo per lavorare insieme su grandi progetti che interessano tutti.
Occorre soprattutto partire, perché oggi anche chi lavora nel settore biologico o biodinamico, tranne pochi sparuti casi, ha perso la “diritta via” e lavora solo più per se stesso e non per il bene comune.

Perché senza veri semi (viventi) si diventa scemi (morenti).

Ivo Bertaina

WhatsApp Scrivici su WhatsApp