Articoli TecniciBioDinamica

QUANTO DEVO RISCALDARE L’ACQUA PER LA DINAMIZZAZIONE?

Dato che ogni tanto si parla di come riscaldare l’acqua che si usa per dinamizzare e sento  dire cose che ritengo siano utili solo per  complicare la vita di chi pratica  l’agricoltura biodinamica desidero dare il mio parere su questo fatto.

Per facilitare il processo della dinamizzazione è importante che l’acqua che si usa per dinamizzare sia almeno di 35-38° per il 500 o cornoletame e sia di 38 -40° per il 501 o cornosilice.

Sappiamo che l’acqua che si usa per dinamizzare deve essere non clorata ma di fonte, di pozzo, o piovana e debba avere un pH inferiore a 7.

Personalmente io uso riscaldare sul gas, fino alla bollitura, ¼ dell’acqua da dinamizzare   che poi mescolo con l’altra acqua  che ho già versato nel dinamizzatore fino ad ottenere la temperatura voluta. Solo dopo aver raggiunto la  temperatura desiderata sciolgo nel contenitore la dose del preparato. Alcuni sciolgono la dose del preparato prima in un piccolo contenitore di  acqua a  circa 30° per poi  versarlo  nel dinamizzatore ed iniziare il processo, non è sbagliato ma non è indispensabile a mio parere.

Altri biodinamici dicono invece che l’acqua da dinamizzare, sia questa 10 litri oppure 250 litri, vada tutta riscaldata solamente alla temperatura voluta e mai riscaldata oltre o portata a bollitura per poi  mescolarla come  vi ho spiegato prima. Secondo me questo metodo  non è assolutamente pratico, perché richiede molto tempo ed un attrezzatura con contenitori molto capienti  e non aiuta la pratica dell’agricoltura biodinamica, oltre tutto dato che nell’acqua non clorata vi possono essere batteri o altri agenti la stesa bollitura non fa altro che  distruggerli.

WhatsApp Scrivici su WhatsApp