Listino Miscele da Sovescio

miscele sovescio

Tra le  basi dell’agricoltura  sana abbiamo  che il terreno non vai mai lasciato nudo (solo il deserto è un terreno nudo)  e che più specie vegetali ci sono  e più abbiamo una biodiversità: dato che le piante comunicano soprattutto attraverso le radici, più varietà diverse sono presenti e più vi è “ricchezza di informazioni”: per ottenere questo si usano i sovesci, gli inerbimenti, l’intrasemina e la pacciamatura verde.

ll sovescio è una pratica agronomica consistente nell’interramento di apposite colture allo scopo di  coprire il suolo e mantenere od aumentare la fertilità del terreno . Di solito il sovescio dura dalle 4 settimane a  sei mesi e poi viene interrato: Sarebbe utile far seguire all’interramento un trattamento di cornoletame e fladen per aiutare la digestazione della sostanza organica

L’inerbimento  è invece una tecnica per  tener coperto il terreno ed aumentare la sostanza organica che dura da 1 a 5-6 anni.  L’inerbimento può essere usato per l’alimentazione del bestiame, per fare fieno oppur si trincia  e poi ricresce: anche qui è utile per accelerare la digestazione della sostanza organica di usare 500 e fladen

Un’altra tecnica che non è più molto usata , ma è utilissima per i cereali è l’intrasemina di leguminose nei campi di cereali in primavera, perché uno dei danni maggiori è lasciare il terreno nudo dopo la  raccolta del grano a giugno, luglio ed agosto, nei mesi più caldi, dove si  perde molta vita batetrica e fungina utile

Infine sta prendendo piede la pacciamatura verde nell’orto con leguminose di bassa taglia

I risultati che si possono ottenere sono di vario tipo:

– aumento della sostanza organica al terreno;

– rallentamento di fenomeni erosivi;

– mantenimento del contenuto di azoto nitrico

-       Riduzione della siccità perché l’humus nel terreno trattine fino a 10-12 volte il volume di acqua

-       Aumento di batteri e funghi nel terreno ( in un ettaro di terreno sano abbiamo fino a 100 quintali di esseri viventi)

Particolarmente importante è il sovescio di leguminose in quanto queste sono tra le poche specie vegetali in grado di fissare direttamente l’azoto atmosferico, solitamente si usano almeno 8 famiglie di piante per formulare i sovesci.

Il sovescio e l’inerbimento, quindi, rappresentano un mezzo per concimare i terreni, anche nei paesi caldo – aridi, indipendentemente dalla disponibilità di letame ed è quindi una pratica molto utilizzata nell’agricoltura biologica.

I terreni sono spesso troppo calpestati e con una struttura che impedisce di svolgere le normali funzioni biologiche. Con una miscela da sovescio si può migliorare notevolmente la struttura del terreno ed arricchire la vita del sottosuolo migliorandone la fertilità. In tal modo migliora anche la biodiversità che determina un equilibrio naturale tra i vari elementi utili a contenere e/o evitare problemi causati da insetti dannosi (es. afidi). Sono utili piante con una grande forza di crescita, con radici che riescono a sgretolare il terreno ed arrivare in profondità. La parte aerea deve attirare una notevole quantità di insetti utili per un lungo periodo.

In questo contesto la terra aumenta rapidamente in sostanza organica ed altre sostanze nutritive. Le miscele hanno anche l’importante funzione di eliminare le infestanti, anche le più difficili (come la gramigna). Qui troverete una serie molto ampia  di sovesci ed inerbimenti ed anche mono essenze per farvi da voi stessi il miscuglio adatto. Ricordiamo che presso Agri.Bio ogni anno teniamo un corso di 8 ore sul sovescio , la sua funzione e la sua composizione.

SCOPRI IL NUOVO LISTINO AGGIORNATO!

 

 

composizione

 MIX SOVESCIO ANNUALE:

70% favino, 5% veccia villosa, 25% cereali misti

180kg x ettaro

min 100kg

MISCELA AGRIBIO:

Favino bio 60%, veccia villosa bio 16%, orzo autun. bio 8%, segale bio 8% (nel caso non sia disponibile segale biologica la varietà sarà sostituita con grano biologico che garantisce prestazioni similari alla segale), avena autun. bio 8%

  • Dose consigliata 200 kg/ha
  • Confezioni da 25 kg non frazionabile
  • Quantitativo minimo da acquistare: 100kg

Miscela completamente biologica.

MISCELA AUTUNNALE PRIMAVERILE PER SEMINATIVI

70% favino, pisello, veccia v, 30% orzo, segale, triticale, grano, farro, avena.

  • dose per ettaro 200 Kg
  • Quantitativo minimo da acquistare: 100kg
 MISCELA   MULTIFLOREALE

Veccia*, lupinella*, trifoglio incarnato*, trifoglio alessandrino*, meliloto officinalis, medicago lupulina, erba medica*, trifoglio resupinatum*, rafano*, facelia*, trifoglio hibridum, grano saraceno*, serradella*, miscela di piante mellifere e officinali (coriandolo*, calendula*, cumino*, carota selvatica, finocchio annuale*, pastinaca*, cicoria selvatica, fiordaliso, malva, aneto*, borragine). – Miscela da sovescio adatta per la rigenerazione del terreno e per il suo riequilibrio, ne migliora la struttura. Considerata l’ampia varietà delle essenze è particolarmente adatta per apicoltura. Indicata per frutteti, vigneti e uliveti. Adatta per impianti perenni. Con la trinciatura stare a un’altezza di 10 cm da terra per non danneggiare le piante con sviluppo più tardivo. Miscela azoto fissatrice. Facelia, e grano saraceno possono svilupparsi troppo rapidamente soffocando gli altri componenti. In questo caso non esitare di trinciare alla fioritura questi componenti per dare spazio agli altri. Semina primaverile e semina autunnale. Nelle regioni fredde si può seminare fino all’autunno, per i climi caldo tutto l’inverno. Semina eccanizzata consigliata con spandiconcime a causa del calibro disomogeneo dei semi.

(*) da agricoltura biologica.

– Dosi consigliate: 40/50 Kg. per ettaro.

– Miscela non completamente biologica nei suoi componenti pertanto non può essere certificata. – Sacco da 10 kg non frazionabile € 77,09 + Iva 10%

 

 MISCELA DA SERRA BIOLOGICA

50% Lupino, 20% Senape, 20% Pisello, 10% Veccia Comune.

  • dose per ettaro 160 Kg
  • Quantitativo minimo da acquistare: 100kg
 MISCELA  SEI

Fleolo pratense*, festuca rubra*, dactylis glomerata (erba mazzolina)*, festuca pratense*, arrhenathrum elatius, lolium perenne*. Miscela perenne adatta per scarpate ripide e terreni soggetti ad erosione. Particolarmente adatta per zone aride, resistente alla siccità. Alta resistenza al calpestio. Semina fino all’autunno e nelle zone calde anche in inverno. (*) da agricoltura biologica.

  • Miscela non completamente biologica nei suoi componenti, pertanto non può essere certificata.
  • Dosi consigliate: 50/kg per ettaro.
 MISCELA SETTE

Pisello proteico, grano saraceno, veccia, trifoglio incarnato, lupino, trifoglio alessandrino, facelia. Miscela annuale, al sud può essere usata anche come perenne se non viene trinciata. Particolarmente adatta per frutteti, vigneti e uliveti. Adatta per sovesci anche in orticoltura. Fioritura graduale. Per evitare problemi di monta a seme, trinciare subito dopo la fioritura del grano saraceno. Trinciare a 10 cm da terra per non danneggiare le piante con sviluppo più tardivo. Semina meccanizzata consigliata con spandiconcime, in quanto il calibro dei semi sono disomogenei. Semina primaverile nelle regioni fredde e semina anche autunnale/invernale nei climi caldi. –     Dosi consigliate: 50/kg per ettaro.

  • Proveniente da agricoltura biologica.
 MISCELA OTTO

Erba medica, trifoglio pratense, loietto perenne tardivo, loietto perenne medio, lupinella, , fleolo pratense, dactylis glomerata (erba mazzolina), festuca pratense. Miscela perenne adatta anche per terreni secchi, resistente al calpestio e alla siccità. Crescita veloce, radicazione profonda, ottima per la fienagione. Semina in primavera e inizio autunno. Nelle regioni fredde si può seminare fino alla fine di settembre, per i climi caldo tutto l’inverno.

  • Dosi consigliate 30/40 Kg Ha.
  • Proveniente da agricoltura biologica.
 MISCELA TRENTA

Erba medica, fleolo pratense, festuca rubra, dactylis glomerata (erba mazzolina), loietto perenne, festuca pratense, trifoglio repens. Miscela perenne indicata anche da fienagione, con 30 % di leguminose ad essicazione rapida. Resistente al calpestio, adatta anche nei vigneti dove c’è passaggio di mezzi meccanici. Semina fino all’autunno e nelle zone calde anche in inverno.

  • Dosi consigliate: 40/kg per ettaro.
  • Proveniente da agricoltura biologica.

SCOPRI IL NUOVO LISTINO AGGIORNATO!

miscele monospecie
 AVENA NERA

– sacco da 25 kg non frazionabile bio

– quantità consigliata 180/200 kg per ettaro

 ERBA MEDICA

50 kg per ettaro.

 PHACELIA DA SOVESCIO

La facelia tanacetifolia è una pianta molto attraente per le api e anche utile per il sovescio per concimare un terreno in modo naturale. Si semina in primavera al Nord ed anche in autunno al Sud.

 FAVINO

230 Kg per ettaro.

 GRANO SARACENO

120kg ad ettaro

 LUPINO

€ 2,40 + IVA 4% al kg, 230 kg per ettaro.

 LUPINELLA SGUSCIATA

 

 SENAPE BIANCA

Pianta annua erbacea. Pianta alta fino a 80cm, pelosa inferiormente. Ottima pianta biofumigante se utilizzata da sovescio.

  • 20 kg per ettaro.
 SORGO NON TRATTATO

dose ad ettaro 50/70 kg

 TRIFOGLIO ALESSANDRINO

50 kg per ettaro.

 TRIFOGLIO BIANCO NANO (TRIFOLIUM REPENS)

Pianta perenne poco voluminosa a steli striscianti sul terreno, altezza della vegetazione 8/10 cm. Adatto per prato ornamentale. Pochi tagli, copertura uniforme tutto l’anno, privilegia zone soleggiate. Con il metodo “Fukuoka” viene utilizzato come anti-infestante e fertilizzante in associazione con la coltura di ortaggi.

  • Dosi: 1 kg per 300 mq circa.
  • Proveniente da agricoltura biologica.
 TRIFOGLIO INCARNATO

Pianta cespitosa con radice fittonante, fusto tormentoso alto fino a 80 cm. Le tre foglioline sono sub-ovate, denticolate all’apice ed articolate sullo stesso punto. I fiori sono riuniti in un capolino di colore rosso molto caratteristico. I semi sono ovali, di colore giallo-bruno lucido, con peso di 1000 semi di 3,2-3,6 g. L’utilizzazione più frequente è la coltura in miscuglio con la loiessa ed in qualche caso anche con i cereali, ma viene coltivato anche in purezza.

Nelle regioni meridionali può essere usato anche per un buon pascolo in inverno e per produzioni di seme in primavera.

Il trifoglio incarnato comprende diverse forme e tipi che si differenziano tra di loro per la diversa precocità, la produzione ed anche per il colore dei fiori. In Campania ad esempio si segnalano 4 diversi tipi con fioritura da Marzo a tutto Giugno. Un buon erbaio di trifoglio incarnato può produrre 25-30 t/ha di foraggio verde.

Sono iscritte a Registro undici varie.

 TRIFOGLIO SQUARROSO

50 kg per ettaro.

 TRIFOGLIO SOTTERRANEO

 

 VECCIA SATIVA

150 kg per ettaro.

 VECCIA VILLOSA AUTUNNALE

150 kg per ettaro.

 

INERBIMENTI – NON TRATTATI

INERBIMENTO 1  loietto rigido*  60% festuca arundinacea     20% festuca rubra      15% trifoglio sotterraneo         5%  MIN 100KG

INERBIMENTO 2 loietto perenne 30% loietto rigido*    30% festuca arundinacea     20% festuca rubra       15% trifoglio repens                 5%MIN 100KG

SCOPRI IL NUOVO LISTINO AGGIORNATO!

________________________________________________________________________________________________________________

 

N.B.: I prezzi si intendono Franco Partenza – Il costo della spedizione, varia a seconda del quantitativo e della zona da recapitare, verrà comunicato in fase di preventivo.

N.B.: LE MISCELE POTREBBERO SUBIRE MODIFICHE NEI COMPONENTI MINORI A CAUSA DELLA NON SEMPRE FACILE REPERIBILITÀ DEI PRODOTTI BIOLOGICI.

Dato che alcune  sementi biologiche  possono essere di limitata disponibilità , il regolamento CE 834/07  permette di usare sementi non trattate in caso di esaurimento scorte. In questo caso sarete informati al momento dei preventivo di spesa.