Oggi molte aziende hanno un problema con le ASL nella nostra regione ed in Italia in generale.
Un problema che in altri paesi europei non si pone affatto, ovvero il divieto di allestire cumuli biodinamici di compostaggio.
Il cumulo per il compostaggio del letame e della sostanza organica secondo i dettami di una buona pratica agricola e dei principi dell’agricoltura biodinamica costituiscono, secondo le stesse ASL, fonti di inquinamento pericolose per il terreno e le falde acquifere.
Proprio per ovviare a questo problema con Slow Food Italia ed AMAB abbiamo mandato una lettera di richiesta di autorizzazione di allestimento del cumulo biodinamico che troverete allegata nella newsletters e che è stata spedita a tutte le Regioni italiane ed al Ministero dell’Agricoltura e della Sanità per cercare di trovare una soluzione ad una pratica agricola millenaria che ora diventa una pratica fuorilegge per gli agricoltori.

Sabato 16 giugno a Torano Nuovo (TE), in Abruzzo abbiamo organizzato con l’Azienda Bio di Emidio Pepe un Convegno nazionale sull’Agricoltura Biodinamica, i particolare verrà affrontato il tema della vitivinicoltura biodinamica con grandi esperti del settore, da Nicolas Joli a Stefano bellotti, da Leonello Anello a Matteo Giannattasio, con una degustazione di vini guidata da Sandro Sangiorgi di Phortos e con l’intervento di Luca Gargano della VELIER.
Il programma completo lo troverete nella newsletters oppure sul sito Agribionotizie.
Per la partecipazione è obbligatoria la prenotazione.

Nel dicembre 2005 avemmo l’onore di avere tra i docenti del Corso di Agricoltura Biodinamica Xavier Florin che ci parlò con grande cuore dell’importanza dell’uso dei preparati biodinamici e di come e perché si allestiscono.
Tra l’altro disse una frase che mi colpì: non si può capire la biodinamica senza conoscere il cielo.
Per questo l’avevo invitato a tenere un seminario di astronomia per agricoltori: dato che per motivi di salute Xavier Florin non è potuto venire è venuto Jean Michel Florin, suo figlio, che ha tenuto un seminario molto interessante ed apprezzato da oltre 35 partecipanti da tutta Italia che ci ha fatto capire quanto poco conosciamo le influenze dei movimenti del sole, della luna, dei pianeti e dello zodiaco e come invece esse siano importanti per una buona e responsabile pratica agraria.
Non conoscevo ad esempio qual’era il significato del nome delle 12 costellazioni ed il loro rapporto in relazione all’agricoltura.
Jean Michel Florin ce lo ha spiegato molto bene e si capisce che i nomi delle costellazioni non sono dati a caso ma hanno un significato preciso ed un rapporto stretto con le fasi agricole e dello sviluppo delle piante e conoscendo questi risvolti si riesce ad ottimizzare il lavoro che facciamo in agricoltura.
Per chi non ha potuto venire sarà pronto entro fine giugno un CD audio con la registrazione di tutto il seminario che si potrà ordinare presso la sede.

Per finire vorrei citarvi una frase di R. Steiner che J.M. Florin ci ha detto letto a conclusione del seminario.
“Gli astri hanno un tempo parlato agli uomini,
che ormai siano silenziosi purtroppo è il destino del mondo,
il peso do questo silenzio fa soffrire colui che sulla Terra lo percepisce.
Ma in seno a questo silenzio sta maturando ciò che gli astri devono dire agli uomini
e colui che intende questo linguaggio può fortificare in se stesso l’uomo spirito.”

Un caro saluto, Ivo Bertaina

WhatsApp Scrivici su WhatsApp