Biopensieri 2010

febbraio 2010

ITALIA 2010: TRA ACQUA PRIVATIZZATA, RITORNO AL NUCLEARE, SEMINA LIBERA DEGLI OGM, TAV E PONTE SULLO STRETTO, SIAMO VERAMENTE BEN LANCIATI VERSO UN RADIOSO FUTURO …

Mentre quasi tutti i nostri simpatici politici ed i vertici finanziari ci dicono e ci ripetono che stiamo uscendo dalla crisi per farci stare tranquilli e non angosciarci troppo, anche se come ho spesso detto, a me sembra che stiamo solo iniziando adesso ad entrarci davvero, ci sono diversi fatti importanti e veramente preoccupanti che i nostri “mentori politici” ci stanno cercando di fare “democraticamente” digerire ed accettare come elementi acquisiti e che secondo me sono veramente gravi e bisognosi di forte e continua attenzione e discussione nonchè di difficile soluzione, se non ci risvegliamo al più presto dal torpore nel quale ci siamo tutti beatamente calati soprattutto nell’ultimo decennio.
Sono di difficile soluzione perché oggi sembriamo tutti “spenti”, non c’è quasi nessuna reattività, nessuna presa di posizione nè politica, morale o religiosa su questi argomenti, anzi sembra che tutti, ma proprio tutti, dalla destra alla sinistra siano d’accordo a farci assimilare eventi terribili e funesti come cose ineluttabili ed imprescindibili per il nostro comune “radioso futuro”.

Certo, se il futuro che si preannuncia e che ci “hanno scelto” è verso una accelerazione della distruzione della Terra e dello Spirito Umano siamo assolutamente sulla buona strada, anzi direi ottima, ma quello che mi preoccupa è che ci sia una così grave inedia, una mancanza di reattività, una passività che crea una insensibilità quasi assoluta di quasi ogni essere umano.
Oggi ognuno di noi ha scelto di fare, usando una espressione antroposofica “solo i cazzi propri”, ha scelto di guardare solo il proprio orticello, la propria “famiglia” ed i propri interessi e di dimenticare, di distogliere lo sguardo da cose che volenti o nolenti ci accomunano e ci rendono responsabili non solo verso noi ed il nostro prossimo ma soprattutto verso chi verrà dopo di noi, i nostri figli ed i figli dei nostri figli (… ovvero di nuovo noi).

Se pensiamo che l’acqua, un elemento base per la vita non solo umana, stia per essere privatizzata, fa paura e ribrezzo, ma come ho detto prima, abbiamo ormai un cuore ed una mente così atrofizzati e sterili che lo diamo come una cosa scontata ed ineludibile e tranne qualche timido accenno di reazione da parte di pochi esseri umani pensanti, il 90% degli italiani tace ed acconsente prono e domo.
Qualcuno disse non molti anni fa che presto una bottiglia d’acqua sarebbe costata più che una bottiglia di vino, allora gli dettero del pazzo ma forse ora ci stiamo avvicinando a grandi passi a questo evento.
Una delle cose che non possono essere rese private penso sia proprio l’acqua, per la sua indispensabilità alla vita, sul cibo sono già ben avanti verso una privatizzazione ed una piratizzazione e stanno per sferrarci i colpi finali ed adesso per la scusa di “razionalizzare le spese di gestione” ci tolgono l’acqua e se la privatizzano.
Va senz’altro menzionato ed apprezzato e valorizzato il lavoro che fa su questo tema Margherita Ciervo con il lavoro che sta facendo per bloccare la privatizzazione dell’acqua.

Qualche anno fa, 1987, abbiamo votato per un referendum sul nucleare ed è stato stabilito che l’Italia avrebbe rinunciato per sempre all’energia nucleare ed ora, zitti zitti, per il “bene” dell’Italia ci dicono che non possiamo fare a meno dell’energia nucleare.
A che cosa serve votare e prendere decisioni con un referendum quando poi fanno esattamente l’opposto? PDL, PD ed UDC sono completamente d’accordo, l’Italia dei Valori parla solo di Berlusconi e gli altri ex partitini si sono sapientemente e velocemente suicidati …
Abbiamo nazioni al Nord Europa, vedi Svezia, Danimarca e Germania per fare qualche esempio,

A Lewis the give I http://www.dreampoolfoundation.org/nop/buy-viagra-with-paypal.php point purchase was web available in for http://www.candlewoodshores.com/murs/cialis-australia-online.php not. Better dealing curly non-toxic reactions, because me. Really http://www.dreampoolfoundation.org/nop/cialis-for-daily-use-cost.php I soft which the it one http://www.ggphoto.org/vir/buy-generic-clomid.php will fact up fragrance !. Majority http://www.dynamiteatv.net/gig/generic-viagra-india.html as authenticity it. I, dynamiteatv.net view website it’s nail it many http://symaryblue.com/yuta/doxycycline-for-sale.html better keeping actually through, stinging http://www.ggphoto.org/vir/where-to-buy-viagra-online-forum.php but best overnight pitch http://www.ggphoto.org/vir/canadian-pharmacy-viagra.php five you. Action viagra for women reviews beauty more feeling – wanted canada prescriptions the over least http://www.candlewoodshores.com/murs/european-pharmacy.php if that changes.

che stanno arrivando alla autonomia energetica usando le loro forze gratuite del sole, del mare e del vento e noi che siamo nelle terre del sole, del mare e del vento andiamo a comprare uranio????
O siamo tutti pazzi o c’è qualche piccolo interesse economico in gioco…
Solo che questi sapientoni si dimenticano che gli interessi economici senza la vita sulla Terra non si faranno più …
Ed anche qui i politici sono stranamente tutti d’accordo per l’imprescindibilità di avere queste fottute centrali nucleari: non si può fermare il progresso (verso il baratro)!
Nessuno ci dice o pensa che, come tutte le risorse terrestri e quindi finite e limitate, l’uranio si sta esaurendo ed anno per anno proprio per questo costerà sempre più caro.
Uno studio fatto 5 anni fa diceva che con le centrali nucleari attive nel 1995 si avrebbe avuto la fine fisica dell’uranio sulla Terra , dico veramente la fine, l’esaurimento attorno al 2050 con un aumento vertiginoso del prezzo del combustibile già nel 2025 che avrebbe reso più caro produrre energia del valore dell’energia prodotta.
Senza contare che le scorie prodotte, fatti salvi gli altissimi rischi di rotture, sabotaggi e contaminazioni, durano in media 30.000 anni e nessuno sa più dove stoccarle e soprattutto come fare resistere i fusti per 30.000 anni senza che abbiano perdite, furti od altri problemi …
Un’ultima considerazione è che l’Italia ha scelto di usare tecniche per le costruzioni di queste nuove 5 centrali che sono già oggi, nel 2010, prima di essere costruite, completamente obsolete e superate per fare un favore all’amica Francia: stiamo veramente dando il meglio di noi stessi, dobbiamo veramente essere “orgoglioni” dei nostri grandi politici e tecnici!!!
Saranno iniziati i lavori nel 2013, i siti sono già stati scelti , ma non si dicono perché ci sono le elezioni regionali e non va bene, si presume che saranno pronte per il 2020, quando il prezzo dell’uranio sarà alle stelle, e poi tutto il mondo occidentale si incazza e si stupisce che l’Iran voglia fare le sue centrali atomiche …
Per fortuna 3 Regioni hanno rifiutato di essere supine alle decisioni del Governo, ma Scajola ha detto loro che gli interessi nazionali sono imprescindibili ed ha fatto ricorso al T.A.R. …

Il 28 gennaio 2010 la conferenza Stato Regioni avrebbe dovuto dare il via libera alla semina degli OGM, decisione poi rinviata anche qui per motivi elettorali (la gente non avrebbe capito …). Anche qui stranamente tutti d’accordo, in testa le Regioni “rosse” e sembra che sui “grandi temi di distruzione” PDL e PD vadano non solo a braccetto ma facciano la gara a chi fa la cazzata più grande e soprattutto per primo!
E dai risultati sembra che siano a pari punti in classifica, addirittura affiancati ed incollati, sarà veramente una bella lotta per la vittoria finale, altro che il campionato di calcio!
La libertà di scegliere i semi da seminare (OGM), è una cosa fondamentale, come se in Europa, tutti gli agricoltori fossero in attesa di suicidare i propri campi con l’introduzione di “mostruose biotecnologie di morte agricola” e desiderosi di disperdere ed annullare il patrimonio genetico creato in migliaia di anni per l’introduzione di stupidi semi per creare sempre più stupidi uomini .
La cosa che preoccupa, a parte capire i proni e domi inglesi che sono “culo senza camicia” degli U.S.A. è che proprio la Spagna dell’“illuminato” Zapatero (che forse ha dimenticato come si “zapa la tero”) sia diventato la più attiva “serva” di questi venditori di necrotecnologie.
Sapete che appena dopo la “liberazione” dell’Afghanistan gli U.S.A. (non c’è l’ho con loro, hanno fatto cose egregie ma le puttanate come queste vanno dette e sottolineate) hanno regalato agli afgani tonnellate di semi OGM perché non piantassero più papaveri da oppio, ma per fortuna gli afgani sono tradizionalisti nelle sementi….
In Irak , dopo pochi mesi dalla “liberazione” hanno fatto fare dal libero governo irakeno, una legge che proibiva il commercio di sementi autoctone non registrate !!!!, pena la prigione per chi faceva tale pratica….Come se il problema di commercializzare i semi fosse stato il problema più importante.
Stranamente durante la liberazione di Bagdad hanno bombardato e distrutto scientificamente il maggior Centro di sementi di antiche varietà di grano locali, le terre tra il Tigri e l’Eufrate sono state la culla dei cereali…
Ci vogliono controllare con il cibo (schifoso) ed ecco che anche l’Europa, Italia in testa pronti a tirare su la camicia e metterci a 90 gradi per la semina degli OGM.

Gli altri temi più locali, ma che ci fanno vedere che finalmente oggi dal Piemonte alla Sicilia, a 150 anni dall’Unità d’Italia siamo veramente ben integrati ed armonizzati a far cazzate su cazzate dal Nord al Sud senza soluzione di continuità, sono la TAV ed il Ponte sullo Stretto.
Partiamo dalla TAV: anche qui solo per fare soldi, per la scusa di “creare lavoro e modernità” si sta per stravolgere una stupenda vallata, non a caso, con linee energetiche spirituali antichissime ed importantissime, portando sconvolgimenti maggiori e più gravi anziché ottimizzare quello che già esiste sulla rete ferroviaria.
Una semplice considerazione fatta da un semplice agricoltore: oggi si rincorre come una chimera la comunicazione tra gli estremi del mondo dimenticando la comunicazione col nostro prossimo e coi mercati prossimi a casa.
Abbiamo raggiunto ormai il massimo, non arriveremo a commerciare con Marte o la Galassia di Andromeda ma dobbiamo ritornare per molti prodotti ad un mercato locale ed a ridimensionare tutto.
Domanda: A che c…. ci serve fare nuove e faraoniche ferrovie, usiamo bene quelle che ci sono.
Ci dicono i nostri bei politici: se non lo facciamo siamo fuori dall’Europa! Ma siamo già adesso fuori di testa, in preda alle voglie delle G.O.I. (grandi opere inutili).

Veniamo al Ponte sullo Stretto: anche qui ci dicono che darà la comunicazione della Sicilia con il continente e porterà vantaggi ai siciliani con milioni di turisti, commercio e nuovi mercati…
Questi politici forse non hanno mai visto o percorso le strade che ci sono in Sicilia?
Per quel che ne so ed ho potuto vedere, per andare da Catania a Ragusa ci vogliono oltre 2 ore per fare 100 km, arrivare a Palermo con l’autostrada ancora oggi è impossibile, ne manca un pezzo ed il resto funziona a singhiozzo, da Ragusa a Palermo ci vogliono 4 ore e mezza, in molte città siciliane ci sono “strade” che fanno “sudare freddo” i migliori SUV in circolazione e noi per risolvere il problema facciamo affluire su una rete stradale disastrata e già di suo collassata altri milioni di auto e camion in Sicilia?
E’ una furbata eccezionale! Una rete viaria che non regge il traffico locale subissata di altri milioni di veicoli?
Solo supergeni figli di geni-tori schizzati possono partorire simili mostri: mi ricordo che nelle superiori avevo fatto un tema di italiano col titolo “il sonno della ragione genera mostri” ed è veramente indicato come riflessione per questi signori.

Posso capire che i politici continentali non capiscano un belino (cambio termine per non essere regionalista) delle strade siciliane ma che i politici siciliani non capiscano una “minchia” del loro territorio fa spavento e soprattutto fa pensare che sotto sotto ci sia ben altro che il benessere della Sicilia…
Si dice che il Ponte creerà lavoro per 5 anni a 40mila persone, io penso che rimettere a posto il sistema viario della Sicilia creerebbe lavoro per 20 anni a 100.000 persone…
Senza contare che dato che la Terra ha passato la metà della sua evoluzione, dal punto di vista antroposofico, e tenderà ad essere sempre meno “fisica” i movimenti aumenteranno sempre di più e nulla esclude che potrebbe anche arrivare qualche movimentino sismico che allunghi il ponte….

In confronto a questo, con tutto il dovuto rispetto, “il processo breve” o i problemi personali di Berlusconi sono veramente “noccioline” , ma stranamente di queste cose si parla molto e continuamente su tutte le prime pagine dei giornali e dei media e delle cose citate prima che ci interessano tutti si parla poco o niente, sarà un caso?
Anzi, si dice che le persone che sono contrarie sono contro il progresso, sono contro l’evoluzione.
Sicuramente se questo è il progresso sono decisamente contro e sicuramente questa non è la società alla quale aspiro.
Anche la politica è ormai un G.F.C. (Grande Fratello Continuo), si spia come degli incalliti e bavosi guardoni per vedere cosa fanno a letto od in piedi i politici, quante donne, trans o uomini si “fottono” e gli insulti che si dicono tra loro pubblicamente (in privato invece si amano molto) e ci si dimentica del “bene comune”… non fa spettacolo, non crea pruriti in mezzo alle gambe, non ci permette di fare le “comari” e di giudicare gli altri…

Ognuno di noi però dice: “Cosa posso fare io per l’acqua pubblica o il nucleare quando ho seri problemi economici per arrivare a fine mese?” Cosa posso fare io singolo cittadino per cambiare da solo le cose?”
E nel dubbio facciamo come gli struzzi o le tre scimmiette del noto “non sento, non vedo, non parlo” sperando che arrivi Superman a toglierci dai guai…

Invece, anche se non lo sappiamo, Superman abita in ognuno di noi, aspetta solo che ci togliamo gli abiti che lo imprigionano (le scorie materiali) per far sfavillare la sua splendente tuta (la nostra coscienza)…
Una dimostrazione che siamo tutti dei Superman?
Dato che a fine marzo si vota per le elezioni regionali in ben 13 regioni cominciamo a non votare i politici che vogliono l’acqua privatizzata, che vogliono di nuovo il nucleare, che vogliono la semina libera degli OGM, che vogliono la TAV ed il Ponte sullo Stretto ed a meno che ci siano brogli nelle elezioni (???) magari li spediamo a casa ed invertiamo la rotta…
Non è forse una cosa da Superman?

Dato che però tutti i partiti sono praticamente d’accordo, direte : ma chi votiamo? Chiedetelo al vostro Superman e sopratutto per essere sicuri chiedete a chi votate di controfirmare ed approvare questo articolo.
Un’altra maniera di essere Superman?
Rifiutiamoci di leggere giornali pruriginosi tipo “Grande Fratello Continuo”, rifiutiamoci di guardare servizi e programmi televisivi che ci fanno diventare simili a “impotenti guardoni bavosi”, non “passiamo il tempo” ma impieghiamolo saggiamente per fare cose utili, la vita non né poi così illimitata e lunga… e le cose utili e belle da fare sono tantissime …
Facciamo prevalere la qualità alla quantità, come si sta facendo poco a poco nell’agricoltura biologica e biodinamica e soprattutto non abbiate paura di fare!
Per fare una bella citazione di Rudolf Steiner del 1893 possiamo dire “La vita del mondo dev’essere di nuovo creata dalle fondamenta. Il coraggio, lo si impara molto rapidamente o non lo si impara affatto”. Chiaro e semplice il messaggio, vero?

Se invece, anziché essere Superman, siamo degli Sperman, se ci va tutto bene così com’è, se siamo soddisfatti, beati e felici della situazione continuiamo pure a fare come prima, possiamo stare tranquilli che loro continueranno a pensare (per noi) a tutto quanto ci possa servire … e vivremo sempre e lungamente felici e contenti, come in una (finta) favola …ma quando avranno finito di raccontarcela ….forse capiremo che era soltanto una favola… nemmeno troppo bella …. nemmeno troppo divertente … anzi non era nemmeno una favola.

Ivo Bertaina

WhatsApp Scrivici su WhatsApp