Favole

… Il seme d’oro …

C’era una volta un contadino molto povero, che aveva una moglie malata. Ogni giorno andava in paese per vendere il latte che produceva dalle sue due caprette.
I commercianti gli davano sempre poco denaro e per fregarlo gli dicevano:”non vale niente questo latte, è già tanto se ti diamo qualche  soldo, magari non è neanche buono…”.  Ma il contadino, che era tanto buono si accontentava di quello che gli davano, anche se non bastavano per pagare le cure ed il dottore per la moglie. Un giorno incontrò un vecchio che gli chiese: ”Mi puoi regalare un po’ di latte? Non ho soldi da darti, ma è da tre giorni che non mangio…” Il contadino gliene regalò un po’, poi il vecchio disse: ”Grazie molte per questo buon latte, ti ringrazio davvero tanto…, mi faresti un’altra cortesia?”  Il contadino rispose: ”Si certo!”. “Dovresti andare dal mago Merlino, che abita  10 km da  qua, e farti dare un cofanetto e digli che ti ha mandato il vecchio saggio.” Il contadino annuì e iniziò il cammino. Il contadino era quasi arrivato dal mago Merlino quando incontrò un grosso orco che era davanti al ponte che doveva attraversare per andare dal mago. L’orco gli disse: ”Se vuoi attraversare il ponte devi risolvere questo indovinello: ti segue sempre, ma non sempre e quando c’è a volte non la vedi”. Il contadino ci pensò un po’ poi guardò per terra e disse: ”L’ombra!”. L’orco annuì e lo lasciò passare. Arrivato dal mago Merlino, gli chiese se poteva dargli il cofanetto e che lo mandava il vecchio saggio. Il mago sorrise e disse: ”Ecco qui il tuo cofanetto…e salutami il vecchio saggio!”.  Il contadino ringraziò e il giorno dopo arrivo al paese. Quando incontrò il vecchio gli diede il cofanetto, lui contento lo aprì e tirò fuori un botticino di grappa che si mise in tasca, e un seme di grano  Gold Korn. Il seme lo diede al contadino dicendogli: ”domani semina questo seme nel tuo giardino e recita questa formula: “Cresci o chicco d’oro, diventa il mio tesoro” e poi va a dormire.” E se ne andò. Il giorno dopo il contadino eseguì le istruzioni del vecchio: lo seminò nel giardino, recitò la formula e se ne andò a dormire. Quando si sveglio uscì fuori e vide un grande campo di grano nel suo giardino. Da quel giorno, ogni giorno, raccoglieva il grano a mano e lo vendeva ed il grano come d’incanto ricresceva. Ci guadagnava talmente tanto da pagare il dottore per la moglie, che guarì, e potè comprarsi un altro pezzo di terra per seminare altro grano.
Da quel giorno il contadino e la moglie vissero felici e contenti.

Ada Bertaina

WhatsApp Scrivici su WhatsApp