MediCine

Il germe di grano: un bene prezioso.
Scritto da carmendlv | Categoria alimentazione Sabato 4 Aprile, 2009

Il germe del grano – e degli altri cereali – costituisce una piccola parte del chicco, ma la presenza di sostanze nutritive preziose è così predominante nel germe da renderlo, sotto certi aspetti, la parte più importante.
All’analisi chimica risultano di particolare importanza la vitamina E, gli acidi grassi insaturi, sali minerali e vitamine del gruppo B. Purtroppo con le operazioni di raffinazione della farina sempre più totale sino ad arrivare alla farina 00 che ritroviamo ormai in quasi tutte le preparazioni alimentari, oltre all’eliminazione della crusca, viene eliminato anche il germe di grano. Il problema è che il germe di grano compromette la conservabilità del grano macinato in quanto subentra l’irrancidimento dei lipidi di cui il germe è ricco entro qualche giorno dalla molitura.
Se nella nostra alimentazione introducessimo regolarmente pane e riso integrale e altri cereali nella loro forma completa non denaturata, povera quindi di numerosi sali minerali e oligoelementi, noi potremmo ignorare tranquillamente l’esistenza degli integratori alimentari.
Il germe di grano in forma di integratore alimentare, può costituire un valido aiuto per arricchire la nostra dieta durante tutto l’anno, oppure ad ogni cambio di stagione o per affrontare periodi della nostra vita particolarmente stressanti.
Lo si può trovare in commercio sotto forma di olio contenuto in capsule gelatinose che sono facili da assumere e sono particolarmente utili per chi accusa sintomi di stress oppure problemi di pelle o di capelli, soprattutto per la presenza della vitamina E che è un antiossidante per eccellenza ultimamente sempre più raccomandato per prevenire l’invecchiamento precoce e tutti i sintomi che l’accompagnano.
Particolare importanza assumono nella dieta anche i cosiddetti germogli, ossia i semi germinati.
Il germoglio rappresenta una particolare fase in cui il seme è stato già sottoposto al giusto tasso di umidità, di calore e di luce per trasformarsi in una pianticella vitale. In questa fase, nel seme che si è trasformato in germoglio, sono avvenuti profondi mutamenti che hanno scisso le proteine in aminoacidi, gli amidi in zuccheri semplici; sono stati attivati numerosi enzimi e il contenuto in clorofilla, vitamine e sali minerali è enormemente aumentato.
Il consumo di germogli – di cereali come il grano e altri semi – è sicuramente un’ottima abitudine alimentare. Non va pertanto confuso il termine germoglio con il germe, in quanto è ben diverso il risultato organolettico e anche il contenuto nutrizionale.

WhatsApp Scrivici su WhatsApp