Schede Preparati BD

SCHEDA D’USO DEL CORNOSILICE: IL 501

IL 501 o CORNOSILICE

Che cos’è:
il cornosilice è  un preparato biodinamico allestito da quarzo  (cristallo di rocca), feldspato od ortoclasio  (SiO2) finemente tritato  e miscelato con acqua di fonte fino a farlo divenire una pappetta  ed inserito  poi in un corno di mucca. Viene interrato  da  Pasqua  ed estratto a fine ottobre od inizio novembre e  si presenta quando si dissotterra e si svuota il corno come una  bianca polvere finissima.
A cosa serve:
il cornosilice processa gli aspetti qualitativi del prodotto (colori, sapori, profumi, aromi, gusto conservabilità, oli essenziali e gradi alcolici), la silice così ottenuta in forma omeopatica processa  la transustanziazione della luce in materia fisica (Carbonio, Ossigeno, Idrogeno, Azoto  e Zolfo  che sono presenti nell’aria e costituiscono dal 92 al 98% del peso secco di ogni pianta)  e collega  e processa  le foglie della  pianta ed il frutto con  le azioni dei pianeti esterni Marte, Giove e Saturno (pianeti soprasolari), veicolando le forze  formative di luce e di calore.

Dove e quando si usa:
• Si spruzza   a goccia finissima in alto, in aria in modo che ricada sul frutto/verdura dalla  formazione  completa della 6-7 foglia   in poi
• dinamizzare e spruzzare in giorni di  trigoni di  Calore o Aria   al mattino presto prima della levata del sole (verso le ore  5/6 e poi spruzzare a goccia finissima in alto sopra il frutto entro 2-3 ore).
• molto bene usarlo in giorni di opposizione Luna – Saturno
• nei giorni subito precedenti e seguenti la Luna Piena
• in Luna Ascendente
• nel periodo che va dalla formazione del frutto/foglia ed  alla presa di colore del frutto
• in caso di  forti piogge o tempo umido  persistente  spruzzarlo settimanalmente subito dopo la pioggia
• 20/25   giorni prima della raccolta (possibilmente abbinato con 506 e 507)
• consiglio di usare sempre con il 501 una dose di 510 (cornozolfo): aiuta a veicolare le forze di luce e di calore
Come si conserva e come si usa:
• si conserva in un recipiente di vetro ben esposto al Sole e dura 2/3 anni dalla sua estrazione;
• quando si utilizza va dinamizzato per un’ora al mattino presto (h. 5/6)  e spruzzato entro 2 ore, prima che il Sole sia alto nel cielo (max h. 9/10)

Modalità di uso
• il 501 viene usato alle dosi di 5 grammi  per 30 – 50 L di acqua  non clorata/ ettaro
• la temperatura dell’acqua  deve essere  sempre tiepida (da 37° a 40°)
• controllare il pH dell’acqua, se supera il 6,5 abbassarlo con aceto (200 cc ogni 35 litri di acqua)
• l’acqua non deve essere riscaldata da corrente elettrica  ma con legna od a gas
• non usare  il 501 con troppo calore, in questo caso sostituirlo  o miscelarlo con il 508 od usare 501 allestito con feldspato
• usarlo come preventivo (in abbinamento al cornozolfo 510) soprattutto per problemi di insetti o funghi
• l’acqua deve essere preferibilmente piovana o di pozzo o di fonte (non ristagnante da troppo tempo, senza odori o presenza di larve, inquinanti  etc.)
• se proprio si usa acqua di acquedotto, questa  deve essere agitata e lasciata  all’aria aperta a decantare per almeno 24 ore per far evaporare il cloro
• è sconsigliabile l’acqua ferruginosa o quella con elevato quantitativo di calcio od acque salate
• il 501 viene attivato per mezzo di un processo  vitalizzante che si chiama dinamizzazione che dura 60 minuti
• la dinamizzazione consiste nel mescolare energicamente  il 501 in acqua, creando un vortice  che a sua volta viene  interrotto da una fase di caos, coincidente con l’inversione della direzione del vortice precedente senza mai fermarsi.
• La dinamizzazione può essere effettuata sia a macchina che manualmente
1) a mano  effettuata con molta energia o con il DI.MA.MA (dinamizzatore a manovella) od il CICLODYN (dinamizzatore a pedali)
2) a macchina purchè vengano rispettate  alcune caratteristiche di costruzione, come ad es. l’inversione del vortice che deve essere regolata dalla fluidità dell’acqua  e non da temporizzatori
• Il contenitore   per la dinamizzazione dovrebbe  avere una forma cilindrico – conica che possa consentire  il formarsi di  un profondo vertice
• La spruzzatura  va fatta a goccia finissima sopra le  piante (frutti) in modo che scenda  come una nuvola  di cristalli liquidi sui frutti
• Il sacchetto di plastica  nel quale inviamo il 501 serve solo per il trasporto,  per la conservazione va trasferito in  un vasetto di vetro non chiuso ermeticamente  e ben esposto al sole e riparato.

IMPORTANTANTE
Agri.Bio ha ideato una serie di 12 cornosilice (tutti  a base SiO2)  adatti per ogni tipo di pianta e periodo zodiacale o per portare determinati processi legati al segno zodiacale: se vi interessa usarli potete ordinarli o leggere le schede tecniche sul sito www.agribionotizie.it nella sezione biodinamica

ACQUISTA ONLINE IL 501 SUL NOSTRO AGRIBIOSHOP!

WhatsApp Scrivici su WhatsApp