BIOPENIESIERI MARZO 2016
M.U.S.: MATURAZIONE UMANA SPIRITUALE

La forma è l’espressione del mondo spirituale, la sostanza è l’espressione del mondo fisico, se i due elementi si incontrano nasce la vita  fisica  e  solo così può continuare l’evoluzione spirituale. L’essere umano da giovane è tutta forma: tantissima forma e poca sostanza, e si percepisce chiaramente, infatti ognuno di noi è attirato dalle belle ed armoniose forme di un neonato ed abbiamo desiderio di toccarlo, di vederlo, di  stringerlo, di “copiarne” le forme, una nostalgia inconscia del mondo delle forme da dove è appena arrivato il pupo ….

Il mondo spirituale attraverso i buchi neri, lo zodiaco, il mondo planetario del sistema solare e l’azione vivificante della Luna agiscono su di noi fortemente dalla periferia verso l’interno e ci formano, visibilmente e continuamente  accompagnando silenti ma possenti la nostra crescita fisica. Dalla fine della crescita fisica umana (18 -21 anni) il mondo spirituale inizia ad agire anche internamente, a far maturare non solo la periferia, la forma  ma anche la sostanza, l’anima,  e così ai 21 anni arriva per tutti la coscienza dell’Io che era iniziata a 2-3 anni quando al bambino si chiude la “fontanella” ed inizia a dire Io. Ma la  forma spirituale per agire sulla coscienza dell’Io per poter penetrare verso il centro, per far maturare (formare, risuonare) la sostanza all’interno deve bruciare, deve tras-formare anche a poco a poco la periferia del corpo umano: solo così il calore spirituale  può penetrare verso l’interno, come una dolce  cottura  sulle ceneri di un  fuoco agisce su una bella bistecca o su un arrosto nella pentola sul fuoco. Grazie a questo la natura fisica dell’uomo gradatamente cambia: scientificamente si dice che “invecchia”, ma è molto più giusto definirla una vera e propria maturazione spirituale: questo è il periodo più delicato e di maggior sofferenza individuale per l’essere umano, come è delicato e di grande sofferenza per la pianta il momento della fioritura. Questo periodo delicato   ha bisogno anche dell’accompagnamento del “trattamento” di una forma educativa, accompagnativa da parte di altri esseri umani: genitori, educatori, amici.

I suoni delle sfere, le grandi immagini spirituali, che da giovani ci rimbalzano sulla superficie del corpo dandogli belle ed armoniche forme, dopo i 28 anni arrivano a penetrare ed a fecondare,a risvegliare, a vivificare non solo il corpo eterico, ma anche il corpo astrale ed infine  agiscono fortemente sull’Io: un lento ma continuo lavoro di penetrazione spirituale dalla forma alla sostanza che dopo  30 anni  ha preso la sua massima  forma  esteriore … questo è il verso scopo della vecchiaia! Invecchiando l’uomo si “centra”, si con-centra spiritualmente. Ma oggi non basta più per questo delicato processo solo l’azione esteriore dei suoni delle sfere che agiscono attraverso buchi neri,  zodiaco, sistema solare e Luna ma occorre anche  alimentarci bene, seguendo i ritmi esterni ed interni, tenendo allenato  e pulito il corpo fisico, evitando eccessi di  droghe, alcool, di stanchezza,  consci che elementi come la paura, l’ansia o l’alterazione dei ritmi   disturbino molto la  maturazione spirituale.

Dai 30 – 35 anni  succede un fatto  delicatissimo ed importantissimo: l’essere umano inizia a percepire  sempre più coscientemente  ed autonomamente il mondo spirituale e  grazie a ciò inizia a de-formarsi, a perdere la sua forma esterna ( a tras-formarla) per acquisire  una “nuova” forma interna, invisibile agli maggior parte degli occhi degli altri umani. L’azione spirituale passa così da un’azione periferica sempre più ad una azione centrale, direi “centrata”: questo fatto inizia come ben diceva Dante “nel mezzo del cammin di nostra vita, ovvero a circa 33 anni.
• In mezzo del cammin di nostra vita “quando inizia la nostra centratura spirituale ”
• mi trovai in una selva oscura ( mi resi conto dell’esistenza del  mondo spirituale)
• ché la diritta via era smarrita (la vera via  non solo non è sulla Terra,  ma non è diritta ma elicoidale, come le traiettorie dei pianeti del sistema solare e di ogni stella)
In sintesi Dante ci dice che a 33 anni ognuno di noi si accorge di poter diventare una stella: ecco cosa voleva dirci Dante Aligheri!   A 33 anni Gesù Cristo ci ha mostrato con un esempio fisico e reale  come si passa dal mondo fisico al mondo spirituale: la strada è SOLO quella! Però ci ha lasciato la LIBERTA’ di seguirla o no.

La maturazione spirituale umana è simile  alla maturazione del seme: il nostro corpo  in realtà è una  grandiosa ed unica super sostanza  spirituale che nel corso del tempo  si insemina  di suoni cosmici: lo spermatozoo, il seme maschile  che trova la sostanza fisica terrestre, (l’ovulo, ovvero un piccolo pianeta) è sottoposto ad una maturazione lunare ( 9 lunazioni) e matura lentamente  attraverso l’azione prima dei   pianeti interni (Luna, Mercurio e Venere) e poi  si erge nella sua individualità allontanandosi dalla casa materna e paterna grazie all’azione dei pianeti soprasolari (Marte, Giove  Saturno) e dopo  30-40 rivoluzioni di Marte, 7-8 rivoluzioni di Giove e   2-3  rivoluzioni di Saturno (60-90 anni), dopo aver dato dei frutti fisici inizia a dare  frutti spirituali: i nostri pensieri morali e spirituali, che come dice R. Steiner sono il nutrimento degli Angeli.

Ogni  seme da dei frutti, i frutti dei vegetali sono pensieri cosmici vergini, visibili e fruibili da tutti: sapori, colori, forme, profumi e  croccantezza (suoni); per questo motivo  le istituzioni (ferme e sempre più zombies) vogliono vietarci sempre più la libertà di seminare liberamente i semi che vogliamo … Ma anche il nostro corpo maturo da sempre più dei nuovi semi, questi semi sono frutto dei pensieri cosmici  che riusciamo a  percepire ed elaborare grazie alla  nostra sostanzialità terrestre : ma grazie all’uso sempre più insensato (senza l’uso dei sensi) delle macchine, grazie ai disturbi, io direi malattie, del corpo astrale od animico create dalle vibrazioni elettromagnetiche ed onde radio (cellulari, radio tv, wifi etc)  non riusciamo più a percepire i suoni cosmici delle sfere e questi “rumori di macchine insensate”  ammalano non solo noi ma anche i vegetali, gli animali e ci sprofondano con la materia in un abisso senza ritorno.

Per fortuna, per chi non riesce più direttamente a percepire i suoni delle sfere, ci sono ancora persone che riescono a comprendere questi suoni “nutrienti” che diventano pensieri mediati da parole, ma ci sono molti altri che non li comprendono e molti  altri ancora che li rifiutano e li combattono.  Però dal 1998, gli esseri umani che si stanno incarnando da questo periodo hanno una specie di “vaccino spirituale” ed hanno delle forze di ricezione  e di maturazione “accelerate” che sono potentissime!  Oggi sempre più persone giovani riusciranno a comprendere i suoni che gli adulti non possono più sentire: basta solo lasciarli crescere ed accompagnarli con l’educazione verso la loro personale crescita. Perché succede questo? Perché il mondo è talmente inquinato spiritualmente che se non comprendono questi suoni delle sfere da giovani rischiano  di non poterlo fare più da adulti!

Questo periodo storico è un periodo molto delicato per tutta l’evoluzione terrestre: proprio per questo come diceva saggiante e poeticamente Giovanni Pascoli occorre un forte moto animico umano  per  “Risvegliare il fanciullino che era in noi”!
Questa è Pasqua!

Ivo Bertaina

WhatsApp Scrivici su WhatsApp