Articoli Tecnici

Alcune basi della Tripartizione Sociale DI Rudolf Steiner

Dopo aver accennato nei giorni scorsi alla tripartizione sociale steineriana come possibile alternativa agli imperfetti sistemi di organizzazione sociale attualmente esistenti, è doveroso ora dire qualcosa di più, spiegando meglio di cosa si tratta, naturalmente per quanto ne sappiamo noi e senza la pretesa di essere completi ed esaurienti, nè di interpretare alla perfezione il pensiero di un uomo come Rudolf Steiner.
Prima di iniziare bisogna evidenziare alcuni princìpi che stanno alla base di tutto il discorso, senza i quali non si può comprendere l’origine e la natura del sistema che Steiner elaborò quasi un secolo fa, ma che a nostro avviso è di avanguardia e in anticipo coi tempi ancora oggi.
La prima cosa da evidenziare è che l’essere umano è da considerarsi al tempo stesso come un’entità autonoma individuale ma anche un membro di una comunità, composta dall’insieme degli esseri umani.
Sembra una cosa banale questa, ma evidentemente non la è dato che alcuni sistemi sociali esistenti sembrano ignorare l’una o l’altra cosa, in tutto o in parte.
Il secondo presupposto è che l’esistenza e l’evoluzione umana non siano affatto frutto del caso, ma rispondano ad un disegno intelligente di natura divina che regola l’evoluzione dell’intero Universo, di cui la Terra e l’umanità sono una parte.
La terza cosa da evidenziare è la tripartizione dell’essere umano, che è composto da Spirito, Anima e Corpo, cui corrispondono le fondamentali facoltà del pensare, del sentire e del volere.
Naturalmente si possono scomporre queste tre componenti in ulteriori parti più specifiche (i cosiddetti ‘corpi sottili’), ma la prima basilare suddivisione è tripartita.

Cominciamo allora ad entrare nel merito della questione, partendo proprio da questa tripartizione umana.
Lo Spirito è la componente dell’uomo che si esprime attraverso il pensare, e quindi permette di manifestare il lato creativo e la libera iniziativa individuale. Il susseguirsi delle generazioni e delle incarnazioni umane è guidato da entità spirituali superiori attraverso un disegno intelligente divino, che fa in modo di inserire via via nelle nuove generazioni umane elementi di creatività nuovi ed atti a favorire lo sviluppo e l’evoluzione dell’umanità stessa.
Le nuove generazioni, e i singoli individui che le compongono, hanno quindi già in sè come predisposizione innata i germi creativi che, una volta risvegliati, portano ad esprimere nuove idee e nuove iniziative che guideranno il percorso evolutivo umano.
In questo percorso è stato inserito anche l’elemento della libertà, da cui ha origine tra l’altro il problema del Male, ma di questo parleremo un’altra volta. L’Anima connette lo Spirito immateriale e il Corpo materiale, attivando la facoltà del sentire, cioè del percepire attraverso i sensi, che non sono soltanto quelli esteriori che conosciamo, ma anche quelli interiori. L’Anima è quindi la componente preposta alla regolazione del rapporto tra la propria individualità e il mondo esterno, a cominciare naturalmente dai propri simili. Il Corpo è invece preposto a permettere l’esperienza dello Spirito sul piano di esistenza fisico, che è solo uno dei tanti possibili. Si può infatti vivere anche senza il corpo fisico, ovviamente in un altro piano esistenziale-esperienziale, ad esempio prima della nascita o dopo la morte.
Al Corpo corrisponde quindi la facoltà del volere, perchè ogni idea ed ogni proposito elaborato dallo Spirito, e ‘sentito’ dall’Anima, può essere messo in atto nel mondo fisico solamente attraverso le azioni effettuate attraverso il Corpo.

Da questa tripartizione si comprende quindi che l’uomo, per esprimersi in modo sano e completo, ha bisogno di tre cose fondamentalmente: libertà di espressione creativa, equilibrato e giusto rapporto con i propri simili e il mondo esterno, nutrimento e salute del corpo fisico.
Nei sistemi di organizzazione sociale, a queste tre fondamentali esigenze corrispondono rispettivamente
il settore culturale-creativo, spirituale
quello statale-giuridico
e quello economico.
Nel primo deve essere applicato il principio di libertà individuale in modo da consentire la piena espressione del potenziale creativo già presente allo stato latente in ogni persona;
nel secondo deve essere applicato il principio di equità e di eguaglianza essendo ogni uomo un componente della stessa comunità con pari diritti, dignità e doveri;
nel terzo deve essere applicato il principio di solidarietà in modo da garantire a tutti la possibilità di sussistenza e salute.
Questo perchè tutti, nell’ambito del disegno divino, hanno un ruolo che permette l’evoluzione e lo sviluppo sia sul piano individuale che su quello collettivo.
Se queste esigenze non sono soddisfatte in tutto o in parte, l’organismo sociale si ammala, e i sintomi di questa malattia si manifestano attraverso tensioni o conflitti sociali a livello collettivo, mentre sul piano individuale abbiamo malattie dell’anima (depressione, insoddisfazione, frustrazione ecc.) o del corpo (disturbi fisici).

Ora se osserviamo i sistemi sociali attualmente esistenti, noteremo che nessuno di questi è organizzato in modo tale da soddisfare in modo pieno tutte e tre le esigenze fondamentali, e questo perchè i tre princìpi di base (libertà, eguaglianza e solidarietà) non vengono applicati in modo appropriato e nei giusti settori, ma vengono invece applicati in modo confuso e inadeguato.
Al principio di libertà si rifanno generalmente gli organismi politici di destra, mentre a quelli di equità e solidarietà si rifanno invece quelli della sinistra.
Il problema è però che, da una parte e dall’altra, questi princìpi vengono applicati indiscriminatamente in tutti i settori e non solo in quelli appropriati, generando così la malattia sociale.
Nei sistemi

Great, inches mentioned. Need well http://smartpharmrx.com/ scents time guys nurish generic viagra toenails get spores wonderful generic online pharmacy my. Included replace canada pharmacy considering scars included because gel generic pharmacy it neutral, with viagra online It finding flawless is. High female viagra too soft thick out cialis daily upward it charging cheap pharmacy realize didn’t was can cialis trial offer it easily these http://rxtabsonline24h.com/ UPS has received ve natural viagra texture online subtle don’t.

liberisti ispirati alla destra, infatti, il principio di libertà, sicuramente giusto nel settore culturale-creativo, è applicato erroneamente anche all’economia, dove invece sarebbe giusto e salutare il principio di solidarietà, perchè quello liberista determina inevitabilmente enormi disparità economiche, dando troppo ad alcuni e troppo poco ad altri, generando così delle gravi tensioni sociali che a loro volta sono terreno fertile per criminalità e violenza.
Nei sistemi socialisti ispirati alla sinistra accade invece che il principio di equità e di eguaglianza, senz’altro giusto nel settore giuridico-statale, viene erroneamente applicato anche a quello culturale-creativo, impedendo la libera espressione delle idee e delle capacità creative individuali.
In questi sistemi tutta la cultura è appiattita e sottoposta al controllo statale, generando negli individui frustrazione e insoddisfazione e bloccando il processo evolutivo, in quanto queste dipende proprio dalla possibilità di espressione della creatività innata. Infine nelle dittature di qualsiasi colore, oltre al controllo statale della cultura avviene anche che il principio di libertà viene applicato erroneamente al settore giuridico-statale dove dovrebbe dominare invece l’eguaglianza, con il risultato che la giustizia diventa un puro arbitrio di chi detiene il potere, generando così inevitabilmente la rivolta degli esclusi.

Vediamo quindi come sia nell’ambito della destra che della sinistra esistano idee e princìpi che rispondono alle esigenze e alle aspirazioni umane, ma come tutto questo venga poi applicato in modo confuso e inadeguato, da ambo le parti.
Certamente oggi, soprattutto nei Paesi più sviluppati, i sistemi sociali sono in qualche modo misti e quasi mai estremi, tuttavia in nessuno di questi riusciamo a vedere la corretta e completa applicazione dei tre princìpi così come aveva suggerito Steiner, nemmeno nelle socialdemocrazie nord-europee che sono forse i sistemi che più ci si avvicinano.
Per ora ci fermiamo qui, ma di questo tema cruciale torneremo certamente a parlare presto.

Gabriele Bertani

WhatsApp Scrivici su WhatsApp